Una soluzione Free che suona bene

Una soluzione Free che suona bene

Intro

Esistono un sacco di soluzioni che ci permettono di infilare il jack nel computer e di utilizzare simulatori di amp ed effetti per registrare idee , demo  o anche solo per fare un pò di esercizi a metronomo, con in cuffia il suono di un marshall valvolare.
Il limite è il budget che abbiamo a disposizione.
Supponiamo che abbiate già una scheda audio esterna da frapporre tra la vostra amata chitarra e la porta USB del piccì di casa ( meglio se ha delle casse.. ma anche le cuffie possono andare bene), vi piacerebbe una soluzione a costo zero  per ottenere quanto sopra? Ebbene esiste .. provo a scriverne.      

REAPER.FM

Reaper è una digital audio workstation  cioè un ambiente di registrazione editing missaggio  audio e MIDI  come potete leggere qui .
Scaricatelo e installatelo.
Reaper non è free ma la licenza evaluation è completa e senza limiti, poi a comprarlo basterebbero 60$..
Lanciate il programma e configurate la scheda audio: 

Menù Options/Preferences : sottomenu /Audio/Device

 

Reaper supporta praticamente tutte le schede.

 

REGISTRARE QUALCOSA

Partiamo a bomba:
Menu Insert/Insert new track

Sotto lo slider del livello della traccia c’è un menu a discesa in cui selezionare il canale di input della vostra scheda audio, selezionate quello in cui avete inserito il jack della chitarra ( scusate.. so che è una cretinata da  scrivere  ma.. )

 

 

A questo punto se armate la traccia ( bottone rosso col pallino al centro) dovreste quantomeno vedere l’indicatore che si muove mentre suonate.
La traccia ha un suo corrispettivo in basso nel mixer sotto i controlli di trasporto. In questa finestrella potete attivare o disattivare il monitoring della traccia,  è importante se attivate degli effetti ( li vediamo tra poco) e volete sentire il suono dopo che è stato processato.

 

 

Prima di registrare dobbiamo settare il metronomo:
Sulla barra dei controlli di trasporto ( tra la finestra principale e il mixer in basso )  trovate una finestrella con scritto BPM, un numero  e  la divisione ritmica. Potete editare il numero o battere il tempo sul bottone con il tasto del mouse.

 

 

Fatto questo cercate l’icona del metronomo in alto a sinistra e cliccate col destro: nella finestra che si apre potete impostare il comportamento del  metronomo in modo che si senta durante il playback , durante la registrazione e soprattutto che esegua il count-in prima della registrazione. L’icona serve anche per accendere e spegnere il metronomo.
Ora attaccate la chitarra schiacciate il tasto rosso sulla barra di trasporto ( ctrl-R) aspettate il 4 e suonate!!

Per interrompere schiacciate la barra spaziatrice sulla tastiera, vi viene chiesto di salvare. La traccia apparirà un pò sottile , premete ctrl-shift-N per normalizzarla graficamente e ammirate la vostra performance: una bella onda di solito non ha zone piatte in alto e in basso, se le ha vuol dire che ha clippato e allora conviene abbassare il livello di registrazione sulla scheda e rifare.

La traccia non  aveva effetti quindi il suono sarà pulitino.  (così)
Allora mettiamoci un ampli!
Ahh non dimenticate di salvare il progetto..

 

FX, VST .. eh?

 

Reaper puo gestire come plugin diversi tipi di effetto (FX). Con effetto intendiamo qualsiasi cosa possiamo mettere sulla traccia e attraverso il quale faremo passare il suono. Quindi un simulatore di amplificatore è un effetto come lo è un compressore o un delay. Reaper viaggia già con un bel bagaglio di  plugin: cliccate sul bottone FX della traccia e fatevi un giro nella   finestra che appare.

Il chitarrista però è abituato a spipolare con manopole e bottoni piuttosto che con menu e slider. Dopo alcuni giri sul forum di Reaper ho trovato diversi interessanti suggerimenti. 
Ecco la lista della roba da scaricare (free!!):

http://www.acmebargig.com/product/shred/
http://www.native-instruments.com/#/en/products/producer/komplete-8-players/
  
Una volta finito unzippate shred e copiate la sua cartella in
C:\Program Files\VSTplugins
Reaper va a caricare in automatico i plugin vst che trova in questa cartella.
Invece il Komplete 8 della NI invece necessita installazione , segnatevi la dir di installazione.

Apriamo di nuovo il menu options/preferences/ . Cercate il sottomenu plugins e il sotto sotto menu VST. Nella finestra trovate una casella di testo con elencate le cartelle in cui Reaper si aspetta di trovare i plugin vst. Aggiungete la dir di installazione di Komplete usando il bottone ‘Add’. Alla fine la lista di cartelle dovrebbe assomigliare a questa:
C:\Program Files\VSTplugins;C:\Program Files\Native Instruments\VSTPlugins 32 bit   
Chiudete Reaper e riapritelo per fargli caricare i plugin. In automatico dovrebbe riaprirsi sull’ultimo progetto salvato

A questo punto selezionate la vostra traccia cliccate sul tastino FX e ..
...sotto allplugins/vst trovate Guitar Rig 5 con un ampli e alcuni effetti 
...sotto VST/ trovate Shred

 

Selezionate ad esempio shred e rifate partire col play ( o la barra spaziatrice) l’esecuzione della vostra registrazione , giocate con le manopoline delle diverse testate  e godetene.
( Se non sentite cambiamenti controllate di aver attivato il monitoring sulla traccia)
A questo punto suonando sulla traccia (armata per la registrazione e col monitoring attivato) dovreste avere un bel suonone.

Stessi passi con il Guitar Rig che vi ritrovate come parte del Komplete 8 free.  

 

OUTTRO

Questa è solo una brevissima introduzione per renderci subito operativi con registratore metronomo e amp simulator. Se volete approfondire:

la guida di reaper :http://www.reaper.fm/userguide.php
il forum: http://forum.cockos.com/forumdisplay.php?f=20
compressori , amp:http://varietyofsound.wordpress.com/downloads/

 

Commenta

Login o registrati per inviare commenti

Commenti

Anch'io utilizzo Reaper e lo ritengo un ottimo compromesso a costo pressochè zero (almeno rispetto ai costi di altre daw)!!

Non avevo notato i free download sul sito della Native Instrument e proverò appena possibile i Shred! Grazie per la dritta!

:) Prego!

copyright guitar praxis tutti i diritti riservati