Le difficoltà iniziali dell'attività creativa. (Ira Glass, in italiano)

Le difficoltà iniziali dell'attività creativa. (Ira Glass, in italiano)

Quando si inizia una qualunque attività creativa (per esempio... suonare la chitarra?), i primi periodi sono carichi di frustrazione, e non a caso le case sono piene di vecchie chitarre nascoste tra armadi cantine e soffitte.

Ira Glass è un noto conduttore radiofonico americano, e una sua discorso in radio su questo tema è diventato talmente famoso in America da aver stimolato animazioni video e trasposizioni creative destinate appunto a chi sta iniziando a suonare, scrivere, dipingere, lavorare in generale in ambito creativo.

Qui c'è uno di questi video, notevole. È già una trascrizione, ma per chi non mastica l'inglese, ecco di seguito la traduzione. Vale la pena di prestare attenzione.

 

"Nessuno dice a coloro che sono principianti - e io vorrei davvero che qualcuno lo avesse detto a me - che tutti noi che facciamo un lavoro creativo... lo iniziamo perché abbiamo buon gusto. Ma è come se ci fosse una distanza, che per il primo paio d'anni che inizi a fare delle cose, quello che fai non è granché, OK? Non è grandioso. Ci prova, ad essere buono, ha l'ambizione di essere buono, ma in effetti non è niente di speciale. Ma il tuo gusto - la cosa che ti ha spinto a metterti in gioco - il tuo gusto è ancora bello affilato, e il tuo gusto è abbastanza buono da dirti che quello che stai facendo è piuttosto deludente per te, capisci quello che intendo?

 

Un mucchio di gente non va mai oltre questa fase. Un mucchio di gente, quando arriva a questo punto, semplicemente smette. E la cosa che vorrei dirti con tutto il mio cuore è che chiunque io conosca che fa un lavoro creativo interessante, tutti sono passati attraverso una fase di anni in cui avevano un gusto eccellente ed erano in grado di riconoscere che quello che stavano facendo non era al livello che loro avrebbero voluto - sapevano che era roba di poco spessore, non aveva quella cosa speciale che tutti vogliamo che abbia.

 

E la cosa che io voglio dirti è che ci passano tutti. E per te che stai per passarci, o ci stai passando proprio adesso, o sei appena uscito da questa fase - devi sapere che è assolutamente normale.

 

E la cosa più importante in assoluto che tu possa fare è fare un sacco di lavoro - fare una mole immensa di lavoro. Datti delle scadenze, in modo che ogni settimana, o ogni messe tu sai che finirai un brano ["una storia", nel testo originale, ndt]. Perché è soltanto facendo concretamente una quantità enorme di lavoro che tu concretamente stai arrivando ad acchiappare e a colmare quella distanza. E il lavoro che fai sarà all'altezza delle tue ambizioni. Ci vuole tempo, ci metterai del tempo - è normale metterci del tempo. E tu devi solo metterti sotto e lottare attraverso questo processo, okay?"

 

 

PS: oltre al video nel link in alto, ce n'è un altro, almeno altrettanto bello, che vale la pena di guardare.

E in bocca al lupo.

 

Commenta

Login o registrati per inviare commenti

Commenti

copyright guitar praxis tutti i diritti riservati