il lick: per cominciare, come impararlo

il lick: per cominciare, come impararlo

Se vuoi parlare l'inglese, devi avere (tra le altre cose) un discreto vocabolario. Parole. Nel linguaggio dell'improvvisazione, queste parole le chiamiamo lick.

Quindi: che cos'è un lick? E' un piccolo motivo, una breve frase, a volte anche meno, una "parola" musicale. 

 

Ok, iniziamo a costruirci un vocabolario. Non solo le “parole”, ma anche dizione, pronuncia, articolazioni possibili… “possedere” un linguaggio non è cosa da poco. Tutt’altro.

 

Fase 1: PREPARATI
Senza chitarra, visualizzal’esecuzione del lick, mimandolo sul dorso della mano destra e immaginando il suono risultante. Sembra una cavolata? Col cavolo!, è uno dei passaggi più  importanti. Più che un passaggio, anzi, un vero e proprio assist: dritto sui piedi (ops… sulle mani!) per fare gol. Suonare.
Quando sei sicuro di averlo imparato perfettamente, prendi la chitarra e suonalo: una volta, lento, perfetto. Ci siamo, ce l’hai.

 

Fase  2: TEMPO AL TEMPO!
Dubbi sull’esecuzione del lick? Torna alla casella di partenza (senza chitarra: anzi, in realtà è bene che ci torni spesso, durante la tua giornata, anche se sei a posto). Vai come un treno? In carrozza, si parte! Metti il metronomo o una base (meglio se nella tonalità giusta, e meglio se lenta), e suona, suona, suona. A nastro.
Fino allo sfinimento, e oltre. Poi cambia tonalità, velocità, stile. Suona ancora. Per sempre.

 

Fase 3: TU, ADAMO, E IL GIOCO DEL "SE FOSSE..."
Cappella Sistina, affresco by Michelangelo Buonarroti, Dio dà la vita ad Adamo. Non montarti la testa, ma il lick –adesso– è Adamo. C’è, è fatto e finito, resta solo da dargli… la vita! Insomma, va bene imparare il lick, ma non basta. C’è da farlo pulsare, palpitare, vivere. Qualcosa in più di una serie di note come potrebbe suonarle un cellulare. Un trucco? Il gioco del “Se Fosse…”. Pensa a una persona che ti sta a cuore (nel bene o nel male), che per te significhi qualcosa di importante. Non un personaggio pubblico, qualcuno che abbia peso nella tua vita. Visualizza quella persona, rivivi quello che provi per lei/lui, riprova le stesse emozioni che ti dà averla accanto, poi suona il tuo lick in modo che possa rappresentare, musicalmente, quella persona: dolcezza, nostalgia, rabbia, intimità, conflitto, amore, odio, eccitazione, fastidio, condivisione, prevaricazione… lo sai solo tu! Spremi il lick, continua a suonarlo pensando intensamente a quella persona finché non sei assolutamente certo che il lick è quella persona.
Definitivamente. Senza possibili fraintendimenti.

 

Amen.

Commenta

Login o registrati per inviare commenti

Commenti

copyright guitar praxis tutti i diritti riservati